Matrice.

É possibile migrare in infinte direzioni. Il Matriarchvio del Mediterraneo, guidato da possenti matriarche, seguendo i flussi del mare e le estetiche migranti che essi incarnano e trasmettono, vuole seguire due linee privilegiate di archiviazione, che si dividono e si suddividono a loro volta a creare l’infinità di gesti artistici femminili che le esprimono. Le grandi demarcazioni del femminile e della sua arte, sono state storicamente identificate con la Madre Natura e la Lingua Madre: il naturale e l’origine sempre in opposizione, dialettica e binaria con(tro) la tecnica, l’artefatto, il costruito, il materico. Il Matriarchivio del Mediterraneo propone – è l’imponente firma femminile della contemporaneità artistica che lo esige e lo impone – di decostruire queste dialettiche fondative del pensiero occidentale: la ‘natura’ non si oppone alla tecnica, l’ordine non si contrappone – anzi da essa è sempre e già ibridizzata in anticipo – alla tecnologia.

© Mediterranean Matri Archive